Gestalt Therapy hcc Kairos: “Il vero bambino non è meno uomo del vero adulto.” (Romano Guardini)…

giovedì 27 luglio 2017

“Il vero bambino non è meno uomo del vero adulto.” (Romano Guardini)…

 Col passare del tempo, più si fa strada nel fanciullo la tendenza verso l’autonomia e più la tutela protettrice dei genitori è chiamata ad allentarsi. Molto opportunamente, Guardini pone l’accento sul rapporto esistente tra la singola fase evolutiva e la totalità della vita: “Il bambino non esiste solo per diventare adulto, ma anche, anzi, in primo luogo, per essere se stesso, ossia un bambino, e, in quanto bambino, uomo, giacchè la persona vivente è, in ogni fase della sua vita, un uomo, a condizione che la singola fase sia autenticamente e pienamente vissuta secondo il suo senso profondo. Così, il vero bambino non è meno uomo del vero adulto. La crescita è un cammino nel divenire; eppure – diceva Goethe – non si cammina solo per arrivare, ma anche per vivere mentre si cammina.” Similmente a quanto può dirsi per la storia in generale, anche per la storia individuale si rivela errata la tendenza a ritenere una specifica fase della vita lo scopo delle fasi precedenti. Un bambino, visto soltanto nella prospettiva del suo diventare adulto ed espropriato della sua stessa infanzia, non potrà mai diventare pienamente un adulto. Sul piano etico, solo permettendo al bambino di vivere interamente le sue tappe evolutive, l’adulto potrà manifestare una cura adeguata verso di lui e sostenerlo nell’identificazione e acquisizione dei valori.

Giovanni Salonia, Odòs, la Via della vita. Genesi e guarigione dei legami fraterni, EDB, Bologna 2008, pagg. 126-127


Nessun commento:

Posta un commento