Le strade della vita…


Dopo aver dimorato lungo le strade si ritorna a casa con occhi nuovi. Qualcosa è definitivamente cambiato: si sono visti i limiti e anche le ricchezze del proprio mondo. In questo senso, il camminare è inscritto nella struttura stessa della crescita umana. Se è vero che abbiamo bisogno di sicurezze familiari – l’«ancoraggio affettivo» della Mahler – è altrettanto vero che dobbiamo rischiare un comportamento esplorativo per conoscere e apprendere il nuovo, quel nuovo che attrae e impaurisce. […] La vita è un cammino: solo se con paura e coraggio (L. Perls) percorreremo le strade che ci si aprono davanti, potremo gustare in pienezza il mistero dell’esistenza al quale siamo stati consegnati.
Giovanni Salonia

Etichette: