Il linguaggio in Getalt Therapy…


Si tratta di una compenetrazione fra il parlare sonoro, il pensiero anche nella sua dimensione subvocale e la comunicazione sociale pre-personale: una forma di integrazione che giunge al suo culmine nell’atto poetico, vera terapia della verbalizzazione e dunque via autentica della rinascita terapeutica del sé. Perché non è negando il linguaggio che si esce dalla gabbia, come fanno molti modelli terapeutici fissati sul corpo, bensì cercando nella parola poetica il grimaldello che espugna i bastioni della separazione fra verbale e proverbiale e ridona luce e bellezza al contatto (e dunque alla vita).
Antonio Sichera

Etichette: