Tesi in pillole…


Il Ciclo di Contatto nel Teatro di Eduardo: 
Verso una Formalizzazione dell’Analisi.


In chiave di realismo critico, puntando al rigore epistemologico delle scienze fisiche e alla possibilità di utilizzo della matematica come linguaggio di formalizzazione, l’intento del lavoro è di stimolare la ricerca di metodiche che formalizzino il significato e la misura delle variabili utilizzate per diagrammare sugli assi cartesiani l’andamento del ciclo di contatto: energia, livello d’intensità, eccitazione - in ordinata - e tempo - in ascissa. Si fa leva sul concetto d’isomorfismo, polarità del continuum emozionale, causalità circolare e sull’originale idea di oscillazione polare.
L’esposizione segue una logica “polare”, considerando dapprima il “polo” teoretico sotteso alla PdG, dove il contatto, cuore concettuale, è analizzato canonicamente nel suo dispiegarsi ciclico e secondo le conseguenze del suo interrompersi. Poi, è lumeggiato il “polo” empirico, quest’ultimo osservato in un ambiente “sui generis”: delle scene-chiave tratte dal repertorio del teatro di Eduardo (in particolare da “Mia Famiglia”, “Sabato, Domenica e Lunedì”, “Bene Mio Core Mio”).
Giuseppe Spano

Etichette: