Lavoro con un paziente seriamente disturbato...


Ultime due sedute
Paziente: "cosa significa guarigione?"
Terapeuta: "Permettere al paziente di evolversi, crescere, e dare un sostegno perché questo avvenga".
P: "Mi piace questa definizione, e per me guarigione che cosa significa?"
T: "Riuscire a fare ciò che prima non era possibile"
P: "Guarirò?"
T: "Penso che in alcune parti è già guarito"
P: "Cosa ci vuole ancora secondo lei?"
T: "A volte dice cose che non comprendo"
P: "Io vorrei continuare fino a quando finiscono le persecuzioni"
T: "Si sembra buono, questo lo comprendo"

Mi sta dicendo che sarà pronto a lasciare il delirio, io non so se questo sarà mai possibile, non so se io sarò pronta a lasciarlo ancora delirare, accettando il limite del mio potere terapeutico. Penso, lui è già diverso da prima, e se potrà "guarire dal delirio" potrà prendersi ciò che "la natura gli ha dato ma la vita gli ha tolto"… per citare una sua frase!
Valeria Conte

Tratto da Valeria Conte, Il lavoro con un paziente seriamente disturbato in Psicoterapia della Gestalt, L'evoluzione di una relazione terapeutica, Quaderni di Gestalt 26/29 (1988).

Etichette: